Polcenigo – Teatro Comunale

TEATRO, MUSICA E DANZA 2017-2018

Prevendita biglietti
Cartoleria libreria Minatelli 1933
piazzetta Madonna 8 – Polcenigo (PN)
tel/fax 0434 74040 info@minatelli.net
orari 7.30 – 12.30 | 15.30 – 19.30
chiuso martedì pomeriggio

BIGLIETTERIA APERTA UN’ORA PRIMA DELLO SPETTACOLO

Info: Odeia associazione culturale, cell. 347 1712020

domenica 12 novembre 2017, ore 17
Tiziana Bagatella
Quando il cielo baciò la terra
dal Magnificat di Alda Merini
Musiche di Bach eseguite dal maestro Claudio Gilio

Nella nostra cultura totalmente desacralizzata appare arduo vivere una fede religiosa autentica o anche solo pensare Dio: “noi non sappiamo che significhi questa parola terribile e antica… possiamo forse pensarlo come un luogo, l’unico luogo nell’universo in cui noi tutti siamo da sempre a sempre; noi, i vivi e i morti, insieme”. Queste parole di Giorgio Manganelli, un intellettuale profondamente laico ma non del tutto “disincantato”, che fu compagno di Alda Merini, costituiscono forse la migliore premessa allo spettacolo. Il linguaggio della poesia e quello della musica, che contengono pur dentro la modernità un quid di “irrazionale” e arcaico, hanno la virtù di farci sperimentare quel luogo meraviglioso. Molta poesia italiana attuale si interroga su Dio, da Luzi a Caproni, e si permette di nominarlo Invano, proprio In ragione della lingua poetica, sempre allusiva, metaforica, polisemica. Ed è l’unico modo per custodire almeno il presentimento di quel “luogo” dove l’essere umano si scopre eterno e in comunione con tutte le cose.

Ingresso unico € 9

domenica 10 dicembre 2017, ore 17
Compagnia Tocnadanza Venezia
Déjà Donne Perugia
Balletto di Sardegna Cagliari
Soli in danza

Lo spettacolo di danza vede insieme alcune “compagnie d’autore” italiane tra le più conosciute e apprezzate in Italia e all’estero, propone l’esplorazione dei vari linguaggi e stili della danza italiana di ricerca. Compagnie Tocnadanza Venezia, coreografia di Ambrose Laudani: Anima Rossa, dalla danza contemporanea, all’Hip-Hop, alla recitazione, si muove una ricerca del proprio “io”. Il danzatore, italiano ma di origini indiane, insegue le proprie origini alla scoperta delle radici perdute. Dejà Donné (Perugia), coreografia di Andrea Rampazzo: L’appel du vide (letteralmente il richiamo del vuoto) racchiude in sé un fenomeno psicologico per il quale persone perfettamente sane, con nessun desiderio di morire, trovandosi di fronte a un precipizio provano una forte tentazione a saltare, di lanciarsi da una posizione di sicurezza verso l’ignoto. Balletto di Sardegna (Cagliari), coreografia di Simona Perrella: Lumen me lumen è la ricerca di una possibile equazione che risolva i contrasti che il corpo vive all’interno di sé; e lumen me lumen è il rapporto tra me-qui e me-lì che si rigenera alla luce di un percorso interiore di abitazione mai fissa dei luoghi.

Ingresso unico € 12

domenica 7 gennaio 2018, ore 17
Duo Dondarini-Dalfiume
Insieme per Sbaglio

Il duo come suggerisce il titolo del loro primo spettacolo teatrale “Insieme per sbaglio”, è nato proprio per sbaglio: Davide Dal Fiume e Marco Dondarini, si sono ritrovati insieme sul palco per un errore di scaletta durante una carrellata di comici e hanno iniziato a improvvisare ricevendo l’apprezzamento del pubblico. Immediatamente un autore televisivo di Zelig, vedendone le potenzialità, li ha voluti per la trasmissione Zelig 1 e da allora hanno continuato a lavorare insieme. Un duo in cui i ruoli di spalla e comico si confondono e si mescolano continuamente; una comicità che è il punto di incontro di percorsi differenti.
Lo spettacolo inizia con Marco Dondarini che con la sua simpatia crea un tipo di comicità sanguigna e diretta. Sopraggiunge Davide Dalfiume che con il suo incedere surreale sembra provenire da un altro pianeta e crea un’atmosfera totalmente diversa. Dall’interazione dei due prende corpo un terzo tipo di comicità inaspettata e piacevole. Insomma, si tratta di un vero e proprio tre per due teatrale.

Ingresso unico € 9

domenica 4 febbraio 2018, ore 17
Il Cast
C’è un uomo nel mio letto
con Andrea de Manicor, Sabrina Modenini, Simone Toffanin

Venerdì sera in un piccolo paese di campagna negli anni settanta: cosa accadrebbe se un marito una sera, rientrando a casa, accanto a sua moglie trovasse anche un uomo nel suo letto? Cosa succederebbe se, dopo aver creduto alla paradossale quanto vera spiegazione, i due uomini diventassero addirittura amici, e il marito nonostante la contrarietà della moglie (che aspetta l’arrivo del vero amante) invitasse l’uomo a rimanere per il fine settimana? E come andrebbe a finire se l’uomo in questione, dopo essersi sbarazzato dell’amante, approfittasse della fresca amicizia per conquistare per davvero la moglie del padrone di casa? Per quanto possiate sforzarvi non riuscireste mai a immaginarlo, se non vedete… C’è un uomo nel mio letto! Esilarante commedia caratterizzata da una esplosiva policromia delle scene e dei costumi, e da una forza comica naturale, un ritmo sostenuto e un intreccio narrativo d’eccellenza, più simile a una sit-com televisiva che a un’opera teatrale.

Ingresso unico € 12

domenica 4 marzo 2018, ore 17
I Papu
Vintage

Ramiro & Andrea lanciano la sfida di re-interpretare alcuni tra i più famosi sketch della storia, sostituendo a modo loro, mostri sacri della comicità. Si comincia da Angelo Cecchelin, attore comico triestino degli anni ’20 per passare al decennio successivo con i Fratelli De Rege Guido e Giorgio. Lo sguardo quindi, si sposta in America con i Fratelli Marx, che proprio nello stesso periodo cominciavano la loro formidabile carriera. Si affacciano gli anni ’50 e si passa a Raimondo Vianello e Ugo Tognazzi in uno degli sketch più conosciuti della televisione italiana: “il troncio e i trucoli”.Non potevano poi mancare Walter Chiari e Carlo Campanini nello sketch del “Sarchiapone”, nato come breve intermezzo tra i numeri di avanspettacolo e riproposto in diverse versioni anche da mamma RAI. E sempre in televisione Walter Chiari e Mario Riva sono poi protagonisti nel “Il timido”. Lo sketch affrontato vede un Cardinale riprendere il restauratore perché non contento del lavoro fatto nel quadro “L’ultima cena”. Ci sarà spazio poi, per un’omaggio al grande Dario Fo, con un pezzo tratto dal “Mistero buffo”. Uno spettacolo dedicato ai ricordi e alla tivvù in biancoenero con pochi canali e senza telecomando. Programmi di qualità con bravissimi autori e attori di sketch memorabili che vi trascineranno in un’atmosfera vintage in una serata d’antan e non solo per un pubblico agée.

Ingresso unico € 12

Soli in danza Teatri Associati

SOLI IN DANZA

TEATRO COMUNALE DI POLCENIGO
domenica 10 dicembre 2017 ore 17.00

Lo spettacolo di danza vede insieme alcune “compagnie d’autore” italiane tra le più conosciute e apprezzate in Italia e all’estero, propone l’esplorazione dei vari linguaggi e stili della danza italiana di ricerca.

QUANDO IL CIELO BACIÒ LA TERRA

TEATRO COMUNALE DI POLCENIGO
domenica 12 novembre 2017, ore 17

Nella nostra cultura totalmente desacralizzata appare arduo vivere una fede religiosa autentica o anche solo pensare Dio: “noi non sappiamo che significhi questa parola terribile e antica… possiamo forse pensarlo come un luogo, l’unico luogo nell’universo in cui noi tutti siamo da sempre a sempre; noi, i vivi e i morti, insieme”. Queste parole di Giorgio Manganelli, un intellettuale profondamente laico ma non del tutto “disincantato”, che fu compagno di Alda Merini, costituiscono forse la migliore premessa allo spettacolo. Il linguaggio della poesia e quello della musica, che contengono pur dentro la modernità un quid di “irrazionale” e arcaico, hanno la virtù di farci sperimentare quel luogo meraviglioso. Molta poesia italiana attuale si interroga su Dio, da Luzi a Caproni, e si permette di nominarlo Invano, proprio In ragione della lingua poetica, sempre allusiva, metaforica, polisemica. Ed è l’unico modo per custodire almeno il presentimento di quel “luogo” dove l’essere umano si scopre eterno e in comunione con tutte le cose.

Elisa Santarossa - Una, nessuna, centomila - Teatri Associati

UNA, NESSUNA, CENTOMILA

TEATRO COMUNALE DI POLCENIGO
domenica 12 febbraio 2017 ore 16.00

“UNA, NESSUNA, CENTOMILA…” è il nuovo spettacolo di e con Elisa Santarossa, accompagnata alla chitarra da Stefano Gislon (Elephant Prodigy). Sette monologhi e sette canzoni d’autore per raccontare l’universo femminile, meglio dire il CAOS, nel tentativo audace e faticoso di spiegare le mille facce delle donne….perchè l’Edipo fa l’uomo ma non la donna!

Vincenzo Peruggia

VINCENZO PERUGGIA

TEATRO COMUNALE DI POLCENIGO
domenica 29 gennaio 2017 ore 16.00

Nella notte tra il 20 e il 21 Agosto del 1911 venne rubato dal Museo del Louvre di Parigi il quadro forse più famoso al mondo: Monna Lisa Gherardini di Leonardo da Vinci, detta anche La Gioconda. Dopo due anni di silenzio il quadro ricomparve a Firenze. Ma chi rubò La Gioconda? Chi fu l’autore di questo geniale e forse più celebre dei furti d’arte? Un imbianchino italiano di Dumenza: Vincenzo Peruggia. E questa è la sua storia.